Tutte le Notizie

Marco Bartoletti BBspa

Inserito il 12.02.2019

Di belle storie in Italia se ne possono trovare molte, a dispetto del clima di negatività soprattutto politico che pervade tutti noi. Ne abbiamo trovata una proprio grazie alla CET, Conferenza Episcopale Toscana,  durante il convegno sul Tema: Educare alla Speranza che non delude, svoltosi a Loppiano  il 26 Gennaio scorso.  Tra gli importanti interventi segnaliamo la bella storia di BBspa, realtà industriale nella moda, fondata da quel gran genio di Marco Bartoletti.

Ma gran genio di cosa, verrà da domandarsi?

Genio del Bene, con la B maiuscola. Rileggiamo la BB di Calenzano come doppio Bene: per l’imprenditore che rischia e guadagna facendo impresa onestamente e per le oltre 150 persone impiegate, portatrici di disabilità.

Avete capito Bene. L’azienda leader nella produzione Beni di lusso ha a libro paga giovani in difficoltà, malati di tumori, persone con sindrome di Down, ragazzi autistici, adulti disoccupati, persone con svariate disabilità e problemi.
Queste persone, come ben spiegava l’imprenditore  occupano anche posti dirigenziali, godono di tutti i diritti di welfare e hanno stipendi dignitosi. “Sono talmente preparati, sottolinea Bartoletti, che oggi posso viaggiare per tutta l’Italia lasciando a loro la guida dell’azienda”.

“Sono convinto che la qualità del lavoro non risenta negativamente dello stato di difficoltà personale della persona ma bensì dall’attenzione e dalla sensibilità di chi lo fa. I miei dipendenti hanno una tale serietà nel lavoro che mi fanno domandare: ma il diverso sono io o loro?”


Alla base del pensiero e dell’azione di Bartoletti  c’è anche il solido principio etico per cui non si può far profitto a scapito del lavoratore, qualunque esso sia.

Ma il miracolo non finisce qui. Ci sono ragazzi che con il loro stipendio aiutano seriamente anche le loro famiglie e casi di guarigioni. “Sì infatti il lavoro stesso è medicina: restituisce alla persona la dignità perduta e ciò fa scattare un processo di auto guarigione”.

Il "miracolo" è stato osservato scientificamente dagli ospedali di zona che hanno allacciato seri rapporti di collaborazione con l’imprenditore, oggi sponsor e generoso ospite di molti convegni di oncologia.

Ancora tanto Bene nell’opera di Bartoletti  grazie ad un convegno a Verona organizzato da Monsignor Adriano Vincenzi, presidente della Fondazione Toniolo di Verona. L’incontro ha ispirato l’imprenditore toscano a creare un sistema e un protocollo intorno al progetto BB che può essere raccolto da tanti altri colleghi imprenditori. Così la sua vita si divide tra famiglia, azienda in Calenzano e tour attraverso tutte le regioni italiane per promuovere a voce alta questo messaggio.

Insomma, essere malati, dover affrontare una chemioterapia, rimanere incinta non è e non deve essere più una scusa per scaricare il lavoratore/lavoratrice. Qualcuno se ne è accorto anche nei palazzi del potere. Meritata dunque  l’onorificenza di Ufficiale al merito della Repubblica, consegnatagli dal presidente Sergio Mattarella.

Si racconta che nell’ufficio di Bartoletti, domini una statua della Madonna a cui lui è tanto devoto. In queste ore è la festa della Beata Vergine Maria di Lourdes: mi nasce un grazie a Lei che ispira, guida e protegge tanto Bene.
Torna Indietro